Search
Generic filters
Search
Generic filters

Sjoerd van Acker

di Riccardo Triolo
  • giovedì, 1 settembre 2022

TATTILE/DIGITALE
L’hand tracking, tecnologia che in realtà virtuale consente l’uso delle mani al posto dei controller, rende manifesto il cortocircuito simbolico che pesca dalla radice del termine “digitale” il suo significato primario e rivelatore (“tattile”). Digitale è infatti tutto ciò che è relativo alle dita, che ha a che fare con il ‘toccare’.
Un destino, quello dell’hand tracking, che riduce l’esperienza del soggetto a spendersi in un’ossessiva ricerca dell’interazione tattile stimolo-risposta all’interno di un ambiente virtuale. Ma quanto può essere esteticamente significativa questa tecnologia? Ecco la domanda che si è posto Sjoerd van Acker (aka No Fish), giovane creatore di quest’esperienza VR prodotta da Biennale College Cinema VR. Una domanda cui vale senz’altro la pena di cercare una risposta.
La realtà esiste in quanto il ‘tocco’ causa la risposta, la reazione dell’oggetto toccato: è questa reazione a definire, a individuare il soggetto. Nell’universo integrato e omogeneo della realtà virtuale, dove è azzerata ogni distanza tra soggetto (chi guarda, agisce e ‘tocca’ nel mondo virtuale) e oggetto (il mondo virtuale in cui il soggetto è immerso), inseguire l’impressione della tattilità è come muoversi in un labirinto di specchi.
Si può interagire davvero quando si è immersi in un mondo che non ci individua, che non ci riconosce come soggetti separati da esso, ma ci integra e ci fonde in un simulacro omogeneo della realtà? Questa è la domanda sottesa all’intuizione di van Acker, che con Elele (“mano nella mano”, in turco) ci interroga proprio sul nostro ruolo di spettatori-attori immersi in mondi virtuali.
Con questo lavoro sorprendente inauguriamo il nostro percorso attraverso le opere di Venice Immersive, cercando di comprendere le potenzialità estetiche dei lavori selezionati e le nuove tendenze di un mezzo che ci lancia molte, interessantissime sfide. Buon viaggio!

ELELE
BIENNALE COLLEGE CINEMA VR
di Sjoerd van Acker
(Paesi Bassi, 6’)