Search
Generic filters
Search
Generic filters
limelight-100x100

imelight

  • giovedì, 8 settembre 2022

Questa è la mia storia

di Roberto Pugliese

Fiumi d’inchiostro e chilometri di pellicola, fiction e non, sono corsi su Marilyn Monroe ma, a 50 anni dalla morte, Andrew Dominik si ripromette con Blonde (Venezia 79) di esplorare, più che il mito di Marilyn, l’interiorità di Norma Jeane (Ana de Armas nel ruolo): il punto di partenza è il romanzo omonimo di Joyce Carol Oates. Dall’Iran arriva, sempre in corsa per il Leone, l‘op. 3 di Vahid Jalilvand (Premio Orizzonti per la regia nel 2017 con No Date, No Signature), Shab, Dakheli, Divar (Beyond The Wall), parabola moderna su malattia, solitudine e maternità.
In Orizzonti un trionfo di “Laure” si celebra nelle quattro ore e più di Trenque Lauquen: Laura Paredes è l’interprete, Laura Citarella la regista e Laura il nome della protagonista, misteriosamente scomparsa in una cittadina della provincia di Buenos Aires. Complessa ricerca di un‘identità femminile (vissuta però come una prigione) è anche quella di Have You Seen this Woman? (SIC) dei serbi Dušan Zorić e Matija Gluščević.
Fuori Concorso è Siccità di Paolo Virzì, titolo lapidario grazie ad una parola drammaticamente contemporanea, a riportarci nel presente: con Monica Bellucci, Claudia Pandolfi, Valerio Mastandrea e Silvio Orlando abitanti di una Roma dove non piove da tre anni e la sete è divenuta categoria dello spirito. Italiano, ma non-fiction, è anche l’altro Fuori Concorso, The Matchmaker di Benedetta Argentieri: storia di Tooba Gondal, sorta di Primula Rossa del jihadismo britannico. Un’alleanza al femminile, dolce, vitale e malinconica è, infine, il viaggio on the road di Stefania Sandrelli e Silvia D’Amico nell’opera prima del regista veneto Corrado Ceron, Acqua e Anice (GdA).

All the photocalls' Daily pick

BLONDE

«Guardata da tutti, vista da nessuno». un viaggio burrascoso attraverso la vita di Norma Jeane Baker, diventata leggenda come Marilyn Monroe.

Gli amori, i film, i torme...

LEGGI

BEYOND THE WALL

Ali è un non vedente che, stanco della propria condizione, ha deciso di togliersi la vita. Viene salvato in extremis dal portinaio del suo palazzo, che lo avverte anche della p...

LEGGI

TRENQUE LAUQUEN

Una donna scompare e due uomini si mettono sulle sue tracce. Entrambi hanno un particolare motivo per cercarla e ognuno di loro si farà una propria idea sul perché sia scompar...

LEGGI

HAVE YOU SEEN THIS WOMAN?

In una calda giornata d’estate Draginja trova un cadavere che le assomiglia.
Per fare colpo sugli amici assume un finto marito.
Nel disperato tentativo di recupera...

LEGGI

SICCITÀ

Un futuro senz’acqua: quant’è remota una simile calamità, in conseguenza del cambiamento climatico e dell’emergenza sociale degli ultimi anni? La pellicola ipotizza uno ...

LEGGI

THE MATCHMAKER

Chi è Parola Tooba Gondal, jihadista franco-britannica conosciuta nei tabloid come “La matchmaker dell’ISIS”? Pare quasi paradossale e fuorviante parlare di rapp...

LEGGI
Dal carcere dov'è stato nuovamente rinchiuso, Jafar Panahi, in Concorso, ci parla del suo tormentato Iran senza pace con No Bears (Khers Nist), di cui è anche interprete autobiografico in una vicenda di storie d'amore parallele, tra realtà e finzione. Anche Les miens (Our Ties) di Roschdy Zem, sempre in gara, impegna questo attore-autore in un ruolo as himself, così come interpreta se stesso anche anche il giovane e talentuoso pianista Timoteusz Bies nel polacco Chleb I sól (Bread and Salt) di Damian Kocur (Orizzonti)...
Dopo il folgorante esordio di The Father (2020), Oscar a Anthony Hopkins, full immersion in soggettiva nella tragedia della demenza senile, il drammaturgo parigino Florian Zeller torna a realizzare per lo schermo una propria pièce dal titolo simmetrico al primo, The Son (Venezia 79), vortice di eventi che tra coppie, ex-coppie, figli primi e secondi devasta gli equilibri di una famiglia borderline: nel cast ancora Anthony Hopkins, con...
La passerella del cinema italiano in Concorso prosegue con Il signore delle formiche di Gianni Amelio, con Elio Germano e Luigi Lo Cascio nel ruolo di Aldo Braibanti, l'intellettuale antifascista che nel “glorioso” Sessantotto subì una processo e una condanna in cui l'accusa di plagio mascherava in realtà la sua vera ‚colpa‘, l'omosessualità...
Le intricate dinamiche familiari, con particolare attenzione al ruolo genitori-figli, ma anche quelle di (semplice?) amicizia, unite al leitmotiv dell'isolamento fisico come scelta anzichè costrizione, attraversano gli schermi della Mostra. In Concorso Love Life di Kôji Fukada, autore già premiato a Cannes e Tokyo, osserva gli effetti del riapparire di un padre povero e malato sulla porta della donna che gli aveva dato un figlio, mentre Martin McDonagh torna a cinque anni dal pluripremiato Tre manifesti a Ebbing, Missouri con The Banshees of Inisherin, indagine sulla vecchia amicizia tra due “lupi solitari”...
Non abituarci all'infamia di una guerra d'aggressione significa anche passare per il cinema necessario del documentarista ucraino Sergei Loznitsa (ancora impressionante il ricordo del suo State Funeral, del 2019, sulle esequie di Stalin) che Fuori Concorso presenta The Kiev Trial, ricostruzione a futura memoria di uno dei primi processi del dopoguerra a carico di nazisti catturati dai sovietici, per i crimini compiuti contro gli ebrei ucraini. Sin troppo ovvio, oggi, leggere l'episodio come una triste profezia...
Nella serata in cui gli viene conferito il Leone d’Oro alla carriera, Paul Schrader (habitué della Mostra dal 1997, con Affliction) presenta Fuori Concorso il suo nuovo dramma psicologico Master Gardener, con Joel Edgerton scrupoloso giardiniere e Sigourney Weaver ricca vedova. Un altro utopista del paesaggio, che sogna un'area verde nel centro di Marsiglia, è anche il protagonista di Tant que le soleil frappe (SIC) di Philippe Petit...
Decolla il cinema italiano in gara con Bones and All di Luca Guadagnino, dal romanzo di Camille DeAngelis, storia di sopravvivenza, passione, cannibalismo ed emarginazione: cast stellare con Timothée Chalamet, Mark Rylance, Chloë Sevigny, Jessica Harper. Di tutt‘altra, ma non meno tragica, emarginazione parla anche Athena di Romain Gavras, figlio di Costa-Gavras, scritto insieme a Ladj Ly (Les Misérables) e incentrato su una rivolta popolare in una banlieue parigina a seguito dell’omicidio da parte della polizia di un...
Nel personaggio della direttrice d‘orchestra Lydia Tár, interpretata da Cate Blanchett nel film di Todd Field a lei dedicato (Venezia 79), si incarnano probabilmente alcune pioniere di questa professione della musica solo recentemente apertasi alle donne, come Antonia Brico, Carmen Campori e Sarah Caldwell. La seconda giornata del Festival ha una declinazione decisamente al femminile, problematica e spesso aspramente conflittuale, che emerge trasversalmente fra le sezioni...
Le contraddizioni e le lacerazioni, spesso tragicomiche, della contemporaneità irrompono sin dalla giornata d‘apertura sugli schermi della Mostra, ma non prima di aver accolto una vera diva del cinema francese e internazionale: Catherine Deneuve, regina della Nouvelle Vague, riceve oggi il Leone d’Oro alla carriera. Il Concorso di Venezia 79 inizia con il newyorkese Noah Baumbach, già a Venezia con il doc De Palma (2015) e poi con Marriage Story (2019), che incontra lo scrittore Don DeLillo portando sullo schermo White Noise...