Search
Generic filters
Search
Generic filters

HÉLÈNE SMITH

1861, Martigny, Switzerland

Hélène Smith, pseudonimo di Catherine-Elise Müller, è considerata “la musa della scrittura automatica”, il processo di scrittura di frasi che non arrivano dalla coscienza diretta dello scrittore, ma da altre entità spirituali di cui lo scrittore stesso si fa tramite. Il suo lavoro fu di ispirazione al movimento Surrealista, che la vide quale espressione concreta dell’esistenza di una forza ispiratrice della propria arte. Nella sua attività di medium si dichiarò in contatto con la civiltà marziana, con una produzione scritta che includeva gli alfabeti marziano, sanscrito e uraniano, successivamente rivelatisi il risultato di sue conoscenze latenti connesse a ricordi. Uno stato a dir poco visionario in cui il potere dell’immaginazione non era però mai del tutto disgiunto dall’esercizio della ragione.

SIGNS

  • La figlia di Giairo, Lille Métropole Musée d'art moderne, Lille, France, 1913
  • From India to the Planet Mars: A Study of a Case of Somnambulism with Glossolalia, Theodore Flournoy, 1900

MAGAZINE