Cantiere di decolonizzazione

Percorsi tematici nel Laboratorio del Futuro della 18. Biennale Architettura
di Michele Cerruti But

L’architettura è uno strumento di ridefinizione del reale, che permette di riconsiderare il passato e la memoria superandone gli strascichi di egemonia culturale, in ordine a scoprire forme di libertà dell’individuo e della collettività.

Dopo aver indagato in questi mesi la 18. Mostra Internazionale di Architettura in tutte le sue sfaccettature, abbiamo tracciato dei percorsi trasversali tra i Giardini e l’Arsenale: cinque ‘cantieri’, cinque tappe tematiche che fissano alcuni passaggi nodali della ‘disciplina’ secondo Lesley Lokko. Di seguito dieci tracce tra pratictioner e partecipazioni nazionali che rappresentano il ‘cantiere’ della decolonizzazione secondo questa visione.

Immagine in evidenza: PERU, “Walkers in Amazonia”, 18. Biennale Architettura, © Marco Zorzanello, courtesy La Biennale di Venezia

EDITOR'S PICK

Lo studio kenyota ha sviluppato nella sua ricerca una pratica di indagine fondata su una sorta di “futurismo a ritroso”, in...

Attraverso una pratica di architettura speculativa, lo studio si concentra sui fenomeni della contemporaneità tardo-capitalist...

RELATED ARTICLES

Percorsi tematici nel Laboratorio del Futuro della 18. Biennale Architettura