DAAR – ALESSANDRO PETTI AND SANDI HILAL

WHERE Stockholm, Sweden; Bethlehem, Palestine
PEOPLE Alessandro Petti (1973), Sandi Hilal (1973)

Collettivo che si occupa della decolonizzazione dell’architettura con una pratica impegnata socialmente a cavallo tra arte, spazio, ricerca, DAAR lavora essenzialmente sul terreno della giustizia sociale. Progetti come l’Ente di Decolonizzazione di Borgo Rizza (Siracusa), la Concrete Tent, la Tree School, Campus in Campus definiscono immaginari, forme di apprendimento, spazi critici di riflessione e scambio sulla pratica concreta della democrazia, della condivisione esistenziale, sociale in luoghi di frizione, aprendo strade di ripensamento su temi nodali del vivere in uno spazio urbano comune quale quelli della mobilità, dell’identità, del bene comune e dell’eredità della condizione di rifugiati.

LEONE D’ORO PER IL MIGLIOR PARTECIPANTE
Motivazione: Per il loro impegno di lunga data teso a un profondo coinvolgimento politico con pratiche architettoniche e di apprendimento della decolonizzazione in Palestina e in Europa.

SIGNS

  • Prince Pierre Foundation Prize for artistic research, 2022
  • Refugee Heritage, Art and Theory Publishing, 2021
  • Permanent Temporariness, Art and Theory Publishing, 2019
MAGAZINE

Percorsi nel Laboratorio del Futuro della 18. Biennale Architettura

Percorsi tematici nel Laboratorio del Futuro della 18. Biennale Architettura