1.-g.-olmo-stuppia-Sposare-la-notte-Sacca-San-Mattia-2048x1536

SPOSARE LA NOTTE

Cammino quarto: Padiglione Italia – Mose (dall’Arsenale nord)
sabato
8 Ottobre 2022
alle 18:00

Inserito nel Public Program del Padiglione Italia alla 59. Biennale Arte, il progetto performativo di g. olmo stuppia (Milano 1991) Sposare la notte si compone di quattro ecowalks in ambiente aperto, capitoli in cui si fondono in una sintesi visionaria vissuto autobiografico e ricerca artistica.

L’ultimo capitolo si svolge quasi completamente in barca. Questo cammino ha come protagonista l’opera pubblica più costosa al mondo, costruita dal Consorzio Venezia Nuova e ancora oggi oggetto di enormi polemiche: il Mose. L’opera si inserisce in una lunga tradizione italiana. g. olmo stuppia ne offre una lettura particolare, presentandola come performance dell’incompiuto, ma anche come forma di “protezione”: una barriera sia fisica sia mentale rispetto all’accettazione dei cambiamenti climatici e idrologici che l’umano si è tirato addosso. Il Mose è una realtà molto discussa, solo in parte funzionante. Con la straordinaria partecipazione dall’ing. Giovanni Cecconi, ex capo della Control Room la flanerie unirà a piedi l’area della Celestia all’Arsenale Nord e un successivo detournament in barca. La Laguna di Venezia – esplorata dal punto di vista ingegneristico – ancora una volta narra l’equilibrio tra “natura” e “cultura” che, dai tempi della Serenissima, tiene in vita una antichissima società anfibia nel cuore d’Europa.

Punto di incontro: fermata ACTV “Celestia”, Castello
prenotazione obbligatoria: t. 347 375 9463/3347374093

WHERE

No results found.

Eugenio Viola e Gian Maria Tosatti presentano il Padiglione Italia alla 59. Biennale Arte