Il tocco di Holly

La regista belga Fien Troch in Concorso con un mistico coming-of-age
di Marisa Santin
  • giovedì, 7 settembre 2023

Dopo Home (premio miglior regia Orizzonti 2016) la regista belga Fien Troch torna a esplorare l’adolescenza attraverso gli occhi di Holly, una quindicenne dotata di un particolare sensibilità, che le permette di sollevare le persone dalle loro sofferenze. La sua sola presenza trasmette tranquillità, calore e speranza in una comunità che ha appena subito un trauma. Questo talento la rende speciale, ma anche più vulnerabile e sola.

Il tema dell’adolescenza attraversa molti dei suoi film. C’è qualcosa di personale in questa scelta?
C’è sempre qualcosa di autobiografico, ovviamente, perché si tende ad attingere alle cose che abbiamo intorno. Nei mei primi film c’è sempre la presenza di bambini, specialmente nei miei primi lavori. C’è in loro un elemento di innocenza che mi interessava rispetto al mondo degli adulti.
In Home, invece, ho voluto parlare di adolescenti perché, in quel periodo, avevo due figli piccoli. Mi sentivo troppo coinvolta personalmente come madre. Sentivo semplicemente il bisogno di prendere una certa distanza dai miei personaggi per poterne parlare senza troppo coinvolgimento personale. Quando stavo sviluppando il personaggio di Holly, all’inizio non ero sicura di che età dovesse avere. Poi ho capito che se Holly fosse stata troppo giovane, le richieste che le persone le facevano sarebbero sembrate un abuso. D’altra parte, se fosse stata più grande, diciamo una giovane adulta o una donna, sarebbe diventato molto complicato far emergere la sensazione che potesse usare il suo talento per ingannare le persone. Quindi, 15 anni sembravano l’età giusta per Holly.

 

HOLLY

HOLLY

Dopo un terribile incendio scoppiato a scuola, nel quale molti ragazzi sono rimasti feriti e uccisi, la comunità, sconvolta, si riunisce tentando di superare la tragedia. Quella mattina la quindicenne Holly aveva telefonato per avvisare della sua assenza per l’intera giorna...

LEGGI

HOLLY

HOLLY

Dopo un terribile incendio scoppiato a scuola, nel quale molti ragazzi sono rimasti feriti e uccisi, la comunità, sconvolta, si riunisce tentando di superare la tragedia. Quella mattina la quindicenne Holly aveva telefonato pe...

LEGGI

A causa di questa sua sensibilità unica, Holly viene chiamata “La strega”. Questa è una vecchia storia, non è così?
La sua sensibilità non viene percepita come un talento, ma piuttosto come qualcosa di strano, persino repellente. Quindi, fin dall’inizio, la definiscono “La Strega” anche senza comprendere appieno il vero significato della parola. È semplicemente un termine che le persone adoperano facilmente quando qualcuno non è completamente conformato agli altri.

Questo è anche un film sulla difficoltà di accettare il dolore?
Il dolore porta ad una devastazione interiore difficile da accettare. Tuttavia, è proprio per questo motivo che le persone si rivolgono alla preghiera e cercano l’aiuto di Holly, poiché non accettano il fatto che i loro figli si trovassero semplicemente nel posto sbagliato al momento sbagliato. La storia aveva bisogno di questa comunità in lutto per rendere evidente come le persone tendano a cercare delle spiegazioni invece di accettare l’imprevedibilità della vita. Volevo anche sottolineare l’importanza della spiritualità in un mondo in cui spesso cerchiamo risposte online, attraverso la tecnologia e sui social media, pensando erroneamente che tutto sia spiegabile, privo di mistero. Anche se le persone potrebbero essersi allontanate dalla spiritualità, nel film tutti si rivolgono a Holly per trovare ragioni e risposte. Inizialmente, ho scelto il nome Holly perché evocava l’immagine di una ragazza bella, dolce e innocente. In seguito, ho realizzato il collegamento con la parola “Holy” [santo] e ho pensato che fosse proprio il nome giusto.

Screenshot-2023-09-07-alle-16.07
Enzo Jannacci
BARBERA_2023-500
Diventare quello che siamo
limelight-495x495
Sopravvissuti
Sic(3)
38. Sic Awards
IL CONFINE VERDE
I vincitori del Premio Arca CinemaGiovani
IO CAPITANO
A "Io capitano" il Soundtrack Stars Award
IO CAPITANO
A "Io Capitano" il Premio Cict Unesco "Enrico Fulchignoni"
LAVORI DI CASA PER PRINCIPIANTI
Il Queer Lion Award a "Domakinstvo za Pocetnici"
79050-EMPEREUR__EMPEROR__-_Official_still__1_
Marion Burger & Ilan Cohen
Vampyr_foto
Meraviglioso Orrore

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai giornalmente il Daily 2023, Magazine ufficiale dell’80. Festival del Cinema di Venezia

Autorizzo il trattamento dei miei dati per l’invio delle newsletter di VeneziaNews. Leggi l’informativa completa qui