A vele spiegate

Silvia Jop al timone di Isola Edipo, in rotta verso una nuova edizione
di Mariachiara Marzari
  • mercoledì, 30 agosto 2023

Isola Edipo è dal 2017 lo spazio più vivace ed innovativo del Festival, la sua anima off, social e green. Al timone e alla direzione artistica, Silvia Jop ci parla delle molte novità di questa edizione 2023.

Il Premio Inclusione e Sostenibilità Edipo Re, riconoscimento collaterale della Mostra del Cinema di Venezia, è promosso da Edipo Re Impresa Sociale di Sibylle Righetti e Enrico Vianello, sotto la direzione artistica di Silvia Jop – che abbiamo intervistato qui di seguito –, in collaborazione con MYmovies e Università Ca’ Foscari, con il patrocinio dell’Università degli Studi di Padova e di ResInt.
Tutto nasce dalla storica barca a vela Edipo Re, imbarcazione frequentata spesso da Pier Paolo Pasolini e Maria Callas durante le riprese dell’omonimo film, divenuta dal 2017 lo spazio più vivace ed innovativo della Mostra del Cinema, la sua anima off, social e green che ha conquistato definitivamente i cinéphile. Un’‘isola’ fortemente connotata anche dalla qualità e dalla ricerca di un’offerta enogastronomica a km etico. Scegliere di essere partner di Isola Edipo, che in pochi anni è divenuta punto di riferimento imprescindibile del Festival, è stato quindi per noi di Venews Daily un passaggio inevitabile e convintamente voluto. Seguiremo giorno per giorno un cartellone di eventi non stop ed estremamente vari, quest’anno dal titolo Radici, che include proiezioni, premi, approfondimenti monografici, presentazioni, live show, incontri, musica dal vivo e molto altro.

“Inclusività” e “sostenibilità” sono nozioni dalle mille sfaccettature. Come il Premio Edipo Re ha saputo in queste sei edizioni connotare di significato questi due concetti?
Negli anni abbiamo cercato di fornire a questi termini, del cui utilizzo oggi si abusa con irritante retorica, una consistenza e un orientamento concreti. A partire dal termine “inclusione”, a cui abbiamo cercato di restituire una valenza di reciprocità anziché di unidirezionalità. Ora stiamo facendo lo stesso con il termine “sostenibilità”, allargandone i confini: da una visione strettamente legata al rapporto con il mondo naturale a una visione più ampia che definisce “sostenibile” un approccio complessivo alla realtà, concentrandosi, quindi, sulla natura stessa del modo con cui dovremmo rapportarci con le persone, con i luoghi, con noi stessi e noi stesse.
Parallelamente a questo, ho sempre cercato di connettere questa prospettiva con una tipologia di selezione che non si sentisse vincolata a un significato da ricercare in termini didascalici. Ho sempre proposto alle giurie che si sono susseguite negli anni dei film che non necessariamente avessero una connessione diretta e oggettiva con questi temi, ma che vivessero piuttosto una tensione verso di essi di natura più creativa e di linguaggio. Questo ha fatto sì che il Premio venisse attribuito nel corso del tempo a film molto diversi tra loro: da Still Recording di Ghiath Ayoub e Saeed Al Batal a Saint Omer di Alice Diop, passando per The Man Who Sold His Skin di Kaouther Ben Hania e Corpus Christi di Jan Komasa, accompagnati da una doppietta di opere che apparentemente non avrebbero elementi in comune, ma che in realtà ne hanno di profondissimi, come Al Garib di Ameer Fakher Eldin e Vera sogna il mare di Kaltrina Krasniqi.

Isola Edipo

Il percorso intrapreso dal Premio è stato condiviso di edizione in edizione con personalità del mondo del cinema e della cultura dall’estrazione la più varia. Chi sono i giurati dell’edizione 2023 e quali le ragioni di queste scelte?
L’intenzione è sempre quella di intrecciare tra loro sguardi di persone che provengono dal mondo dell’arte e della cultura, spesso mescolando le competenze, altre volte invece affiancando persone con competenze professionali simili ma esercitate in modo completamente differente.
Quest’anno la giuria è composta da Alberto Malanchino, Caterina Guzzanti e Carlotta Vagnoli.
Alberto Malanchino è un attore in grado parallelamente di riempire lo spazio scenico di un teatro, seguendo sceneggiature di natura politica e sociale, e di vestire i panni di un medico in una delle serie televisive più viste in Italia come Doc. Mi interessava lo sguardo di un giovane uomo capace di tenere assieme due piani tanto distanti, parlando a pubblici molto differenti. Caterina Guzzanti ha una carriera lunga tra tv, cinema e teatro alimentata da un tipo di comicità ormai raro, dove il divertimento passa indispensabilmente dalla capacità di ribaltare il mondo, conoscendo al tempo stesso bene la realtà e i suoi pesi. Penso che una donna con un percorso come il suo abbia una postura che le consente di guardare le cose oltre loro stesse. Carlotta Vagnoli è una scrittrice che, senza perdere un grammo della sua capacità analitica e di lettura della realtà, è riuscita a creare uno spazio di parola e ascolto dedicato soprattutto alle donne, ai loro corpi e alle loro identità, utilizzando, oltre che su carta stampata, la capacità espansiva dei canali digitali e social. Oltre ai libri, attraverso l’uso di piattaforme e strumenti digitali, ha dato prova concreta di come certi mezzi di comunicazione possano effettivamente spostare la realtà. Del suo sguardo mi interessa molto l’approccio avventuriero e anticonvenzionale.

Giuria Premio Edipo Re 2023: Alberto Malanchino, Caterina Guzzanti e Carlotta Vagnoli

Accanto a loro quest’anno nasce una Giuria Giovani, composta da studenti e studentesse di Ca’ Foscari. Quale l’idea di questa importante apertura?
Il Premio nasce per dare un contributo alla distribuzione di film d’autore in Italia, un percorso, com’è noto, faticosissimo. Se il premio ufficiale mira a un sostegno nella distribuzione dei cinema di tutta Italia, la versione del premio che verrà attribuita dagli studenti di Ca’ Foscari andrà a sostenere la distribuzione del film premiato in un circuito di sale d’Ateneo in diverse città italiane.

Il Premio attraversa tutte le sezioni competitive della Mostra del Cinema – Concorso, Orizzonti, Settimana della Critica e Giornate degli Autori – andando a tracciare un fil rouge che unisce le opere. Quali i 12 film che avete selezionato per l’edizione 2023?
La selezione, tre film per ogni sezione, cerca di dare una panoramica mondiale di linguaggi espressivi, storie e tematiche. Per il Concorso i film scelti sono: Evil Does not Exist (Aku Wa Sonzai Shinai) di Ryusuke Hamaguchi, Io Capitano di Matteo Garrone, Origin di Ava DuVernay.
Per Orizzonti Paradiset Brinner di Mika Gustafson, The Red Suitcase di Fidel Devkota, Yurt (Dormitory) di Nehir Tuna.
Per la Settimana della Critica Life Is not a Competition but I’m Winning di Julia Fuhr Mann, Malqueridas di Tana Gilbert, About Last Year di Dunja Lavecchia, Beatrice Surano, Morena Terranova. Per le Giornate degli Autori Oceans Are the Real Continents di Tommaso Santambrogio, Humanist Vampire Seeking Consenting Suicidal Person di Ariane Louis-Seize e Melk di Stefanie Kolk.

www.isolaedipo.it

IL MALE NON ESISTE

In un piccolo villaggio rurale nel cuore della foresta non lontano da Tokyo, Takumi si occupa della figlia Hana, svolgendo lavori saltuari. La serenità della comunità che abita queste terre incontaminate, tra laghi e montagne dove i cervi pascolano liberi, rischia di essere ...

LEGGI

IL MALE NON ESISTE

aku-wa-sonzai-shinai-evil-does-not-exist

In un piccolo villaggio rurale nel cuore della foresta non lontano da Tokyo, Takumi si occupa della figlia Hana, svolgendo lavori saltuari. La serenità della comunità che abita queste terre incontaminate, tra laghi e montagne...

LEGGI

IO CAPITANO

IO CAPITANO

Un racconto omerico che descrive il viaggio avventuroso di due giovani, Seydou e Moussa, che lasciano Dakar in Senegal per raggiungere l’Europa, attraversando le insidie del deserto, gli orrori dei centri di detenzione in Libia e i pericoli del mare. Il loro percorso div...

LEGGI

IO CAPITANO

IO CAPITANO

Un racconto omerico che descrive il viaggio avventuroso di due giovani, Seydou e Moussa, che lasciano Dakar in Senegal per raggiungere l’Europa, attraversando le insidie del deserto, gli orrori dei centri di detenzione in...

LEGGI

ORIGIN

ORIGIN

Trasposizione cinematografica del saggio bestseller del 2020, Caste: The Origin of Our Discontent, di Isabel Wilkerson, prima donna di origine afroamericana a vincere il Pulitzer per il giornalismo, l’atteso film di Ava DuVernay dimostra, attraverso il racconto cora...

LEGGI

ORIGIN

ORIGIN

Trasposizione cinematografica del saggio bestseller del 2020, Caste: The Origin of Our Discontent, di Isabel Wilkerson, prima donna di origine afroamericana a vincere il Pulitzer per il giornalismo, l’atteso film di ...

LEGGI

PARADISE IS BURNING

IL PARADISO BRUCIA

In un quartiere popolare di una città svedese, le sorelle Laura, Mira e Steffi, dai 7 ai 16 anni di età, vivono sole poiché la madre è assente per lunghi periodi di tempo. Quando i servizi sociali chiedono un incontro, Laura si mette alla ricerca di qualcuno che possa impe...

LEGGI

PARADISE IS BURNING

IL PARADISO BRUCIA

In un quartiere popolare di una città svedese, le sorelle Laura, Mira e Steffi, dai 7 ai 16 anni di età, vivono sole poiché la madre è assente per lunghi periodi di tempo. Quando i servizi sociali chiedono un incontro, Laur...

LEGGI

THE RED SUITCASE

THE RED SUITCASE

Nel thriller di Fidel Devkota, che esplora le conseguenze dell’occupazione straniera sulla società nepalese, un camionista deve affrontare una serie di prove e ostacoli imprevisti a causa del carico che sta trasportando. Nelle parole del regista «il film riflette i sentime...

LEGGI

THE RED SUITCASE

THE RED SUITCASE

Nel thriller di Fidel Devkota, che esplora le conseguenze dell’occupazione straniera sulla società nepalese, un camionista deve affrontare una serie di prove e ostacoli imprevisti a causa del carico che sta trasportando. Nel...

LEGGI

YURT

DORMITORIO

Nella Turchia degli anni ‘90 la polarizzazione politica della società è sempre più evidente e le tensioni tra laici e musulmani si inaspriscono. I fedeli devoti sono ostracizzati e i dormitori religiosi (yurte) vengono regolarmente minacciati dalle proteste.

LEGGI

YURT

DORMITORIO

Nella Turchia degli anni ‘90 la polarizzazione politica della società è sempre più evidente e le tensioni tra laici e musulmani si inaspriscono. I fedeli devoti sono ostracizzati e i dormitori religiosi (yurte) ve...

LEGGI

LIFE IS NOT A COMPETITION, BUT I’M WINNING

LIFE IS NOT A COMPETITION, BUT I’M WINNING

Un collettivo di atleti queer entra nello Stadio Olimpico di Atene con l’intenzione di onorare coloro che sono sempre stati esclusi dal podio dei vincitori, immaginando un mondo al di là delle rigide divisioni di genere. Julia Fuhr Mann è una regista queer e femminista. Co...

LEGGI

LIFE IS NOT A COMPETITION, BUT I’M WINNING

LIFE IS NOT A COMPETITION, BUT I’M WINNING

Un collettivo di atleti queer entra nello Stadio Olimpico di Atene con l’intenzione di onorare coloro che sono sempre stati esclusi dal podio dei vincitori, immaginando un mondo al di là delle rigide divisioni di genere. Jul...

LEGGI

MALQUERIDAS

MALQUERIDAS

Tana Gilbert è una regista cilena i cui cortometraggi documentari sono stati presentati a livello internazionale in numerosi festival. Questo suo primo lungometraggio è un racconto collettivo costruito con le immagini registrate illegalmente dai cellulari delle detenute di u...

LEGGI

MALQUERIDAS

MALQUERIDAS

Tana Gilbert è una regista cilena i cui cortometraggi documentari sono stati presentati a livello internazionale in numerosi festival. Questo suo primo lungometraggio è un racconto collettivo costruito con le immagini registr...

LEGGI

ABOUT LAST YEAR

ABOUT LAST YEAR

Un film scritto e diretto da Dunja Lavecchia, Beatrice Surano e Morena Terranova, amiche di lunga data che nel 2017 hanno fondato un’associazione per discutere temi culturali e sociali, in particolare relativi al genere e alla sessualità. Tre sono anche le protagoniste: Cel...

LEGGI

ABOUT LAST YEAR

ABOUT LAST YEAR

Un film scritto e diretto da Dunja Lavecchia, Beatrice Surano e Morena Terranova, amiche di lunga data che nel 2017 hanno fondato un’associazione per discutere temi culturali e sociali, in particolare relativi al genere e all...

LEGGI

OCEANS ARE THE REAL CONTINENTS

LOS OCÉANOS SON LOS VERDADEROS CONTINENTES

In un paesino dell’entroterra cubano si intrecciano i destini di cinque diversi personaggi, di età e occupazioni differenti ma tutti accomunati da un ideale di ‘separazione’ che ne governa i destini, già scritti o ancora da plasmare. I giovani Edith e Alex, l’anziana...

LEGGI

OCEANS ARE THE REAL CONTINENTS

LOS OCÉANOS SON LOS VERDADEROS CONTINENTES

In un paesino dell’entroterra cubano si intrecciano i destini di cinque diversi personaggi, di età e occupazioni differenti ma tutti accomunati da un ideale di ‘separazione’ che ne governa i destini, già scritti o ancor...

LEGGI

HUMANIST VAMPIRE SEEKING CONSENTING SUICIDAL PERSON

VAMPIRE HUMANISTE CHERCHE SUICIDAIRE CONSENTANT

Giovane vampira riluttante, con troppi scrupoli etici per uccidere nonostante ne vada della propria sopravvivenza, Sasha rischia di lasciarsi morire di fame quando i genitori, esasperati, le tagliano le scorte. A venirle in soccorso è Paul, un ragazzino depresso con tendenze ...

LEGGI

HUMANIST VAMPIRE SEEKING CONSENTING SUICIDAL PERSON

VAMPIRE HUMANISTE CHERCHE SUICIDAIRE CONSENTANT

Giovane vampira riluttante, con troppi scrupoli etici per uccidere nonostante ne vada della propria sopravvivenza, Sasha rischia di lasciarsi morire di fame quando i genitori, esasperati, le tagliano le scorte. A venirle in soc...

LEGGI
Screenshot-2023-09-07-alle-16.07
Enzo Jannacci
BARBERA_2023-500
Diventare quello che siamo
limelight-495x495
Sopravvissuti
Sic(3)
38. Sic Awards
IL CONFINE VERDE
I vincitori del Premio Arca CinemaGiovani
IO CAPITANO
A "Io capitano" il Soundtrack Stars Award
IO CAPITANO
A "Io Capitano" il Premio Cict Unesco "Enrico Fulchignoni"
LAVORI DI CASA PER PRINCIPIANTI
Il Queer Lion Award a "Domakinstvo za Pocetnici"
GinaLollobrigida_Preapertura
Omaggio ad un’icona del cinema italiano
william-friedkin-1200
Goodbye, Mr. Friedkin

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai giornalmente il Daily 2023, Magazine ufficiale dell’80. Festival del Cinema di Venezia

Autorizzo il trattamento dei miei dati per l’invio delle newsletter di VeneziaNews. Leggi l’informativa completa qui