I segreti dei figli

Jasmila Žbanic presenta la nuova serie bosniaca "I Know Your Soul"
di Marisa Santin
  • mercoledì, 6 settembre 2023

Jasmila Žbanic (Il segreto di Esma, Quo vadis, Aida?) è a Venezia con i primi due episodi di Conosco la tua anima, una serie TV di cui è la creatrice, sceneggiatrice e co-produttrice. La serie racconta la storia dell’indagine di una procuratrice su un suicidio che minaccia sia la sua famiglia che la sua carriera quando si rende conto che potrebbe non conoscere suo figlio così bene come pensava.

Cosa ha ispirato la scelta di raccontare questa storia specifica?
C’è stato un tragico evento a Sarajevo che ha coinvolto il suicidio di un giovane ragazzo. Ho cominciato a leggere ampiamente a riguardo, ed è diventato una fonte di ispirazione quando ne ho parlato con mia figlia. Secondo le notizie dei media, la morte di questo ragazzo sarebbe stata legata a un evento traumatico, forse legato a un abuso sessuale. Come genitore, ho cominciato a riflettere su quanto bene conosciamo veramente i nostri figli. In quel periodo, mia figlia aveva solo tredici anni, e le ho chiesto se si confiderebbe con me se le succedesse qualcosa di terribile. La sua risposta è stata scioccante: ha detto, «Non te lo direi mai». E poi ha aggiunto, «Voglio proteggere la mia dignità». Questo momento mi ha spinto a iniziare a scrivere sulla dinamica di una relazione madre/figlio, esplorando le sfide che i genitori e i figli affrontano, specialmente durante gli anni tumultuosi dell’adolescenza quando cercano la propria identità.

Perché ha scelto di adattare la sceneggiatura per una serie TV?
Inizialmente, avevo immaginato la sceneggiatura per un lungometraggio, ma si è presentata l’opportunità di adattarla ad una serie TV, il che ha permesso un’indagine più approfondita del tema principale e ci ha consentito di esaminare questo argomento da diverse prospettive. In altri episodi della serie, esploriamo anche casi che coinvolgono omicidi e altre questioni complesse, ma il tema principale rimane sempre la genitorialità.

I KNOW YOUR SOUL (ep. 1-2)

I KNOW YOUR SOUL

Creata da Jasmila Zbanic e Damir Ibrahimovic la serie ha come protagonista Nevena Murtazić, una procuratrice che sta affrontando un divorzio mentre si occupa del figlio diciassettenne Dino. Proprio nella scuola di quest’ultimo avviene un caso di suicidio su cui Nevena è ch...

LEGGI

I KNOW YOUR SOUL (ep. 1-2)

I KNOW YOUR SOUL

Creata da Jasmila Zbanic e Damir Ibrahimovic la serie ha come protagonista Nevena Murtazić, una procuratrice che sta affrontando un divorzio mentre si occupa del figlio diciassettenne Dino. Proprio nella scuola di quest’ulti...

LEGGI

I suoi film spesso presentano personaggi femminili forti e complessi che affrontano situazioni impegnative. Come crede che queste rappresentazioni contribuiscano al più ampio discorso di genere sia nel cinema che nella società?
Nel cinema balcanico, quasi tutti i personaggi femminili erano o prostitute o madri. Le donne che avevano un lavoro venivano costantemente descritte come cattive madri. Questa era una rappresentazione alla quale non riuscivo mai ad identificarmi, e credevo di non avere alcuna rappresentazione che mi rispecchiasse. Mia madre e le donne che conoscevo non assomigliavano affatto a queste descrizioni. C’erano molte serie e film americani che guardavano le donne da un’altra prospettiva, ma quando la storia è nella tua lingua e viene dal tuo paese, questo può davvero cambiare la prospettiva sul genere, sui personaggi femminili e sulle reali esigenze delle donne.

Il segreto di Esma, il suo lungometraggio sui tragici effetti della guerra in Bosnia-Erzegovina, ha vinto l’Orso d’Oro a Berlino. Qual è stato l’impatto di questo riconoscimento nel suo Paese? Crede che il cinema possa contribuire al processo di guarigione e di riconciliazione nelle società post-conflitto?
È stato un momento significativo perché la Bosnia non aveva molto successo in quel periodo; persino la nostra squadra di calcio stava andando male, e per molte persone in Bosnia il calcio è di massima importanza. Poi, improvvisamente, abbiamo ricevuto questo premio, e la gente ha cominciato a pensare: «Almeno siamo bravi in qualcosa». La gente ha davvero accolto il premio come se fosse loro. Ciò che è stato veramente notevole è che ha portato a cambiamenti nelle leggi della Bosnia riguardanti il trattamento delle donne che erano state violentate durante la guerra. Il film si concentrava su queste donne che erano rimaste in silenzio, non volevano esporsi o rilasciare interviste. Mentre lavoravo con la loro organizzazione, ho chiesto: «Ora che abbiamo l’attenzione dei media, ditemi come posso aiutare». Loro hanno risposto: «Non abbiamo una legge che ci riconosca come vittime individuali della guerra». Tutti gli altri stavano ricevendo risarcimenti, come coloro che erano stati feriti fisicamente o avevano perso i genitori, ma queste donne non avevano uno status ufficiale nella nostra società. Quindi, abbiamo lavorato per cambiare la legge. A seguito del film, sono ora riconosciute come vittime civili della guerra e ricevono un sostegno finanziario dal governo.

Screenshot-2023-09-07-alle-16.07
Enzo Jannacci
BARBERA_2023-500
Diventare quello che siamo
limelight-495x495
Sopravvissuti
Sic(3)
38. Sic Awards
IL CONFINE VERDE
I vincitori del Premio Arca CinemaGiovani
IO CAPITANO
A "Io capitano" il Soundtrack Stars Award
IO CAPITANO
A "Io Capitano" il Premio Cict Unesco "Enrico Fulchignoni"
LAVORI DI CASA PER PRINCIPIANTI
Il Queer Lion Award a "Domakinstvo za Pocetnici"
PaoloMoroni_Lexus
Anime affini
Roberto Cicutto (9)
Spazio Festival

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai giornalmente il Daily 2023, Magazine ufficiale dell’80. Festival del Cinema di Venezia

Autorizzo il trattamento dei miei dati per l’invio delle newsletter di VeneziaNews. Leggi l’informativa completa qui