Sesso, droga e pesci rossi

Nel film di debutto di Olmo Schnabel, una New York dove tutto può succedere
di Marisa Santin
  • domenica, 3 settembre 2023

Produttore alla prima esperienza come regista, Olmo Schnabel è figlio dell’artista e regista Julian Schnabel. Con il padre sul set di Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità, presentato a Venezia nel 2018 e ha prodotto nel 2019 Giants Being Lonely, di Grear Patterson, presentato sempre al Lido nella sezione Orizzonti. Pet Shop Days è il suo primo lungometraggio.

La sceneggiatura è stata scritta da lei, insieme a Jack Ivr, l’attore, e Galen Core. Come ha avuto l’idea per questa storia?
Jack Ivr è il mio più vecchio amico; siamo cresciuti insieme. Quando abbiamo compiuto tredici anni, abbiamo deciso di diventare migliori amici e abbiamo mantenuto quella promessa. Jack stava lavorando alla sceneggiatura a scuola perché stava seguendo un corso di scrittura per il cinema. Dopo aver completato il film che ho prodotto, Giants Being Lonely, gli ho chiesto di mandarmi la sceneggiatura, e sono rimasto davvero stupito da questa avventura straordinaria che aveva creato. Ho pensato: «Vorrei dirigere questo film». Quindi, per due anni, l’ho supplicato e alla fine l’ho convinto. Poi abbiamo iniziato a condividere idee. Jack è la mente dietro la storia, ma abbiamo dovuto renderla più concreta. Abbiamo semplificato anziché aggiungere complessità, così avevamo molte possibilità e direzioni da esplorare. Ci abbiamo lavorato per tre anni, insieme a Galen Core, che fa parte di Twin Productions, la casa di produzione che abbiamo co-fondato.

PET SHOP DAYS

PET SHOP BOYS

L’impulsivo Alejandro è scappato di casa e ha lasciato il Messico, fuggendo a New York. Qui si innamora di Jack, ragazzo appena ventenne che lavora in un negozio di animali. Alejandro decide di seguire la sua passione e trascina il suo giovane amante in un viaggio a ritmi i...

LEGGI

PET SHOP DAYS

PET SHOP BOYS

L’impulsivo Alejandro è scappato di casa e ha lasciato il Messico, fuggendo a New York. Qui si innamora di Jack, ragazzo appena ventenne che lavora in un negozio di animali. Alejandro decide di seguire la sua passione e tras...

LEGGI

I personaggi principali del film sono Alejandro e Jack. Sono molto diversi l’uno dall’altro, ma entrambi sono intrappolati nella loro solitudine. Questo è anche un film generazionale?
Sono effettivamente diversi, ma ci sono anche delle somiglianze perché entrambi sono isolati dalle loro famiglie. E, ovviamente, Alejandro manipola molto Jack. Il film affronta temi come l’adolescenza, il desiderio, l’impulsività e l’atto di commettere errori estremi. Ma in realtà tutti nel film sono spezzati, tranne la sorellina Lucy. È la persona più saggia e equilibrata nonostante sia un’adolescente. Sfida la generalizzazione sugli adolescenti ed è il personaggio più forte tra tutti. Tutti gli altri, compresi gli adulti, sono completamente persi. Stiamo parlando di persone spezzate in questo contesto, e il  privilegio non porta loro felicità.

Ha vissuto a Manhattan e poi si è trasferito in Messico. Ha menzionato che è riuscito a descrivere New York solo da lontano. Perché, e quale New York sta rappresentando?
La città che rappresento nel film è un luogo dove l’avventura è dietro ogni angolo, dove esistono possibilità infinite e dove puoi ritrovarti rapidamente in situazioni uniche. Ho vissuto a New York per tutta la mia vita; sono un vero newyorkese. Tuttavia, verso la metà dei miei vent’anni, ho perso il senso di meraviglia e l’entusiasmo che una volta provavo per la città. Ho smesso di sognare e non mi sentivo più ispirato. Volevo riaccendere quella fiamma, così ho deciso di andare in Messico, convinto che ci fosse molto altro da scoprire. È lì che ho incontrato la mia ragazza, che è anche italiana, Ludovica Quaretesi. È anche la co-produttrice del film ed è stata fondamentale per l’intero processo. Il mio obiettivo era creare una versione senza tempo di New York, la mia New York. Ho trascorso due mesi guidando uno scooter durante l’estate, esplorando ogni angolo della città. Non volevo raffigurare New York nel 2023; al contrario, miravo a un’atmosfera che ricordasse gli anni ’80. Non ho cercato la precisione storica completa; piuttosto, volevo stimolare l’immaginazione delle persone e creare una fantasia. Doveva essere New York, un luogo dove incontri costantemente nuove persone e dove non c’è tempo per riflettere, molto simile a Jack alla fine del film. Impara e cresce attraverso la peggior situazione possibile, ricevendo una seconda possibilità. Quando Alejandro incontra Jack, non sa immediatamente chi è, ed è solo una coincidenza incontrare qualcuno. Questa è la vita. Quindi, credo che nel film ci siano molte emozioni, idee e sentimenti, e sono aperto al dialogo perché rende l’esperienza più piacevole e artistica.

Hai già menzionato Jack, ma può dirci come hai scelto Dario Yazbek per il ruolo di Alejandro?
Anche Dario è un mio amico; ci siamo conosciuti quando ero ancora un bambino. È un po’ più grande di me. Quando avevo dieci anni, lui mi faceva da babysitter. Dopo quel periodo, non ci siamo visti per circa 20 anni. Poi, ci siamo casualmente incontrati a New York. Ho condiviso con lui la sceneggiatura. Dario ha adorato la sceneggiatura e mi ha convinto di essere la persona giusta per il ruolo. Dario ha portato la sua vasta esperienza sul set, e quando la troupe ha visto che un attore così talentuoso era con loro, ha motivato tutti. È diventato un simbolo di speranza per il film e ha reso il mio lavoro molto più facile.

Puo dirci qualcosa sul compositore della colonna sonora del film, Eli Keszler?
Quando ho incontrato Eli, ho immediatamente sentito che era la persona giusta per il film. Sembrava che parlassimo la stessa lingua. Non avevo molta esperienza nella comunicazione con i compositori, anche se amo profondamente la musica, ovviamente. Galen sapeva chi fosse Eli e voleva lavorare con lui. Ci siamo incontrati per un hamburger in un bistrot di New York, e abbiamo parlato per un’ora, di tutto e di niente. A quel punto ero già convinto che fosse la scelta giusta. L’ho trovato incredibilmente sensibile. Ha elevato il film con il suo lavoro. Il sentimento e la colonna sonora sono entrambi vivi nel film. La colonna sonora diventa quasi un altro personaggio.

C’è un’influenza artistica che sente di portare con sé da suo padre, Julian Schnabel, nel suo lavoro?
Mio padre ed io abbiamo un rapporto artistico ed emotivo molto forte all’interno della nostra famiglia. Lui è un artista e un pittore, cosa assolutamente utile quando si tratta di discutere la creatività. È incredibile avere un dialogo continuo sull’arte, e mi ritengo estremamente fortunato ad avere questa connessione con lui. È sempre stato aperto e disponibile a partecipare a discussioni sull’arte con me. C’è sempre spazio per la conversazione, qualcosa da esplorare e domande da porre. Ha visto il film, e verrà qui a Venezia per la premiere. Abbiamo altri progetti su cui stiamo lavorando insieme. Quando ero giovane, avevo paura di perseguire i miei sogni e di fare ciò che volevo. Lui è sempre stato di supporto, credeva nel mio potenziale come artista e nella mia capacità di raggiungere i miei obiettivi. Mi sento molto a mio agio a parlare di lui perché il nostro rapporto è fantastico, e sono orgoglioso delle mie radici. Crescere nell’ambiente artistico è stato vantaggioso per me come artista, e ho assorbito molte influenze in modo inconscio.

Screenshot-2023-09-07-alle-16.07
Enzo Jannacci
BARBERA_2023-500
Diventare quello che siamo
limelight-495x495
Sopravvissuti
Sic(3)
38. Sic Awards
IL CONFINE VERDE
I vincitori del Premio Arca CinemaGiovani
IO CAPITANO
A "Io capitano" il Soundtrack Stars Award
IO CAPITANO
A "Io Capitano" il Premio Cict Unesco "Enrico Fulchignoni"
LAVORI DI CASA PER PRINCIPIANTI
Il Queer Lion Award a "Domakinstvo za Pocetnici"
polanski
Roman Polanski
alix-delaporte
In prima linea

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai giornalmente il Daily 2023, Magazine ufficiale dell’80. Festival del Cinema di Venezia

Autorizzo il trattamento dei miei dati per l’invio delle newsletter di VeneziaNews. Leggi l’informativa completa qui