Ritorno a Teatro!

Il Goldoni riapre le sue porte al pubblico dopo il restauro
di Chiara Sciascia

Con una serata speciale il 30 settembre si alza il sipario del rinnovato Teatro Goldoni su una nuova straordinaria stagione.

Il Teatro Goldoni riapre al pubblico sabato 30 settembre, continuando le celebrazioni per i suoi primi 400 anni con una grande serata che vedrà protagonisti ospiti d’eccezione per rievocare, con parole e musica, spettacoli e artisti che hanno animato con il loro talento il palcoscenico del teatro più antico del mondo.

Effetto Venezia, questo il titolo dell’evento curato da Fabrizio Arcuri, inaugura in anteprima la nuova stagione in compagnia di Giuseppe Battiston, Sonia Bergamasco, Roberto Citran, Isabella Ferrari, Lorenzo Letizia, Filippo Nigro, Claudio Santamaria e Teho Teardo. Ma non solo Venezia e non solo teatro: lo spirito di festa contagia anche la terraferma con due appuntamenti per bambini all’M9 – Museo del Novecento a Mestre, mentre al Fondaco dei Tedeschi si terrà la presentazione del nuovo romanzo di Matteo Strukul dedicato al grande commediografo e al teatro che ne porta il nome. Una riapertura davvero speciale, dunque, che vedrà gli spettatori fare ritorno in un teatro rinnovato, dopo i lavori di restyling che lo hanno interessato per parte della stagione 2023.

Teatro Goldoni © Serena Pea

Un’operazione in realtà iniziata già nel 2020 con i lavori di preparazione e ora conclusasi con gli interventi necessari all’ottenimento del Certificato di Prevenzione Incendi, tra cui lavorazioni di restauro e manutenzione dei beni immobili, l’adeguamento degli impianti elettrici – quello originario risaliva al 1979 e nel tempo aveva subito varie manutenzioni e adeguamenti, ma senza una progettazione generale di coordinamento – e opere di impianti di bonifica e protezione ambientale, per un investimento complessivo di oltre un milione di euro stanziato dal Comune di Venezia.

La manutenzione straordinaria ha interessato anche la sala, che ora si presenta in una nuova veste, grazie alla sostituzione della moquette e del vecchio modello di “poltrona Goldoni”. Le nuove sedute della platea, pur mantenendo la forma e il classico colore rosso-arancio, si distinguono per un design moderno, sono realizzate con materiali più resistenti e durevoli, e offrono una struttura più comoda e confortevole. È stata realizzata inoltre un’area di sosta destinata a quattro carrozzine per rendere il teatro Goldoni sempre più accessibile a tutti gli spettatori. Completa l’opera un nuovo impianto audio ad integrazione di quello esistente, posizionato e mimetizzato completamente con le strutture del teatro in linea con gli standard internazionali.
Tutto è pronto per una nuova straordinaria stagione!

Una serata evento per rievocare i 400 anni di storia del Teatro Goldoni