Terrence Malick

di Andrea Zennaro
  • domenica, 3 settembre 2023

La grandezza dell’opera di Malick non trova limiti e tutto il suo percorso artistico è andato sempre più verso l’anti-narrazione assoluta; se nei suoi primi due film, Badlands del 1973 e Days of Heaven del 1978, si può riscontrare ancora una costruzione strutturale di tipo convenzionale, anche se già si denota il desiderio di allargare lo sguardo oltre i personaggi e le loro misere storie, con The Thin Red Line, arrivato dopo una pausa di riflessione ventennale, la destrutturazione e lo scardinamento delle regole stilistiche diventano palesi e inesorabili: la trama non ha importanza per un regista che vuole raccontare per immagini ciò che a parole è impossibile descrivere.
I protagonisti dei suoi film sono immersi in paesaggi di infinita bellezza, ripresi la maggior parte delle volte nel momento magico del crepuscolo (golden light), che nascondono pericoli mortali che non lasciano scampo: l’uomo cerca di modellare la Natura a sua immagine, ma viene sopraffatto dalla sua violenza. The Tree of Life è la summa di tutta la poetica di Malick: le questioni più alte dei suoi studi filosofici, trovano qui il loro giusto contrappunto. Si può comprendere l’alternanza che viene fatta tra microcosmo e macrocosmo dal regista, che filma la vita intima di una famiglia negli anni Cinquanta; ripresa in stile homemovie (caro ai registi indipendenti del New American Cinema come Stan Brakhage e Jonas Mekas), mostrando poi la nascita dell’Universo sulle note del Lacrimosa di Zbigniew Preisner.
Il suo ultimo film, inizialmente intitolato The Last Planet, ma ora denominato The Way of the Wind, narra alcuni episodi della vita di Gesù ed in parte è stato girato in location italiane come Anzio, Ginosa e Matera: il perfezionismo del regista lo tiene fermo alla fase del montaggio dal 2019.

DAYS OF HEAVEN

DAYS OF HEAVEN

Chicago, 1916: Bill lavora in fonderia e dopo una lite con il suo capo, fugge verso l’Ovest, con la sorella Linda e la sua ragazza Abby. I tre arrivano nell’immensa regione agricola del Texas settentrionale, dove trovano lavoro come braccianti per la raccolta delle messi. ...

LEGGI

DAYS OF HEAVEN

DAYS OF HEAVEN

Chicago, 1916: Bill lavora in fonderia e dopo una lite con il suo capo, fugge verso l’Ovest, con la sorella Linda e la sua ragazza Abby. I tre arrivano nell’immensa regione agricola del Texas settentrionale, dove trovano la...

LEGGI
Terrence's six
La rabbia giovane
(1973)

Folgorante esordio con un film dove il vero protagonista è il paesaggio che avvolge i due amanti criminali.

I giorni del cielo
(1978)

L’immensità dei campi di grano nell’ora del crepuscolo e l’uomo che trama per una vita migliore.

La sottile linea rossa
(1998)

La guerra e i suoi orrori all’interno di un luogo paradisiaco.

The New World – Il nuovo mondo
(2005)

L’arrivo dell’uomo moderno, con il suo carico di distruzione, nelle Americhe.

The Tree of Life
(2011)

Poema visivo che fluttua tra macro e microcosmo alla ricerca del significato universale al centro dell’animo umano.

La vita nascosta – Hidden Life
(2019)

Durante il dramma bellico del secondo conflitto mondiale un soldato tedesco si rifiuta di combattere.

THE OTHERS

Screenshot-2023-09-07-alle-16.07
Enzo Jannacci
BARBERA_2023-500
Diventare quello che siamo
limelight-495x495
Sopravvissuti
Sic(3)
38. Sic Awards
IL CONFINE VERDE
I vincitori del Premio Arca CinemaGiovani
IO CAPITANO
A "Io capitano" il Soundtrack Stars Award
IO CAPITANO
A "Io Capitano" il Premio Cict Unesco "Enrico Fulchignoni"
LAVORI DI CASA PER PRINCIPIANTI
Il Queer Lion Award a "Domakinstvo za Pocetnici"
claudio-casale
Il giro lungo
esorcista-sito-hl
Il volto del Demonio

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai giornalmente il Daily 2023, Magazine ufficiale dell’80. Festival del Cinema di Venezia

Autorizzo il trattamento dei miei dati per l’invio delle newsletter di VeneziaNews. Leggi l’informativa completa qui