Andrej Tarkovskij

di Andrea Zennaro
  • lunedì, 4 settembre 2023

Parlare di Tarkovskij, del suo cinema di poesia, di come “scolpiva il tempo”, del suo approccio al genere fantascientifico, dove per lui bisognava togliere il più possibile gli orpelli tecnologici in antitesi al cinema hollywoodiano, non è cosa facile.
Quando uscì da noi il suo Solaris (1972) venne pubblicizzato come la risposta russa al 2001 kubrickiano; in realtà i due film sono agli antipodi tra loro e forse delle similitudini si possono riscontrare con il film di Kubrick Shining (1980) evidentemente a sua volta influenzato dal regista russo. Il voler rimuovere ogni sovrastruttura scenografica tecnologica porterà Tarkovskij con Stalker (1979), altra opera fantascientifica, a mostrare degli scenari quasi post apocalittici dove non si capisce cosa possa essere successo.
Il regista russo, durante la sua carriera, andò sempre più verso la rappresentazione di un flusso cinematografico anti-narrativo con atmosfere e scenari atti ad immergervi gli spettatori e accompagnarli attraverso un’esperienza artistica unica: il film Lo specchio del 1975 ne è un perfetto esempio. In esso tutte le regole del racconto cinematografico vengono scardinate e i ricordi dei personaggi si confondono con la vita reale.
L’Italia è stata per il regista come una seconda patria e vi passò gli ultimi anni della sua vita: assieme a Tonino Guerra vi gira Nostalghia (1983) un’opera dal sapore autobiografico.

ANDREJ RUBLEV – DIRECTOR’S CUT

ANDREJ RUBLEV – DIRECTOR’S CUT

Russia, XV secolo. L’invasione dei Tartari, conflitti principeschi, fame e pestilenze segnano profondamente le vaste terre del Paese. Andrej Rublev (1966) consacra la figura dell’omonimo pittore di icone russo e, in otto episodi della sua vita, ci fa immergere nel...

LEGGI

ANDREJ RUBLEV – DIRECTOR’S CUT

ANDREJ RUBLEV – DIRECTOR’S CUT

Russia, XV secolo. L’invasione dei Tartari, conflitti principeschi, fame e pestilenze segnano profondamente le vaste terre del Paese. Andrej Rublev (1966) consacra la figura dell’omonimo pittore di icone russo e, i...

LEGGI
Andrej’s five
L’infanzia di Ivan
(1962)

Sfolgorante opera prima di un autore cardine della storia del cinema.

Andrej Rublëv
(1966)

Il racconto della vita del più grande pittore di icone russo in uno scenario di violenze nella Russia del XV secolo.

Solaris
(1972)

In un lontano pianeta ricoperto da un oceano imperscrutabile, un uomo cerca di risolvere alcuni misteri, ritrovandosi esso stesso intrappolato.

Stalker
(1979)

Cos’è la Zona e quali misteri nasconde? Da cosa è stata prodotta?

Sacrificio
(1986)

Di fronte ad un’imminente apocalisse un uomo offrirà tutto ciò che ha pur di portare indietro gli eventi.

THE OTHERS

Screenshot-2023-09-07-alle-16.07
Enzo Jannacci
BARBERA_2023-500
Diventare quello che siamo
limelight-495x495
Sopravvissuti
Sic(3)
38. Sic Awards
IL CONFINE VERDE
I vincitori del Premio Arca CinemaGiovani
IO CAPITANO
A "Io capitano" il Soundtrack Stars Award
IO CAPITANO
A "Io Capitano" il Premio Cict Unesco "Enrico Fulchignoni"
LAVORI DI CASA PER PRINCIPIANTI
Il Queer Lion Award a "Domakinstvo za Pocetnici"
80568-PHOTOCALL_-_FERRARI_-_Director_Michael_Mann__Credits_Giorgio_Zucchiatti_La_Biennale_di_Venezia_-_Foto_ASAC___2_
Michael Mann
Ioulia Isserlis_Max Sacker
Overlook

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai giornalmente il Daily 2023, Magazine ufficiale dell’80. Festival del Cinema di Venezia

Autorizzo il trattamento dei miei dati per l’invio delle newsletter di VeneziaNews. Leggi l’informativa completa qui